Terzo Responsabile

L’esercizio, la conduzione, il controllo, la manutenzione dell’impianto termico e il rispetto delle disposizioni di legge in materia di efficienza energetica sono affidati al responsabile dell’impianto, ovvero al proprietario o all’amministratore, che può delegarle ad un terzo avente determinati requisiti, come prescritto dal D.P.R. 74/2013. Il soggetto terzo, che assume le responsabilità sull’impianto è, così come definito dall’art.1 lettera o) del D.P.R. 412/1993, « la persona fisica o giuridica che, essendo in possesso dei requisiti previsti dalle normative vigenti (D.M. 37/2008 art. 1 comma 2 lettera c, d, e) e comunque di idonea capacità tecnica, economica e organizzativa, è delegata dal proprietario o dall’amministratore ad assumere la responsabilità dell’esercizio, della manutenzione e dell’adozione delle misure necessarie al contenimento dei consumi energetici ».

Per impianto termico si intende qualsiasi impianto o generatore a servizio della climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell’acqua calda per usi igienici sanitari.

Il responsabile dell’impianto quindi può essere il soggetto proprietario dello stabile (per unità condominiale senza amministratore con impianto centralizzato), l’amministratore (per unità condominiali con impianto centralizzato), l’inquilino (nel caso di impianti termoautonomi), oppure il Terzo Responsabile da essi delegato.

Con la nomina del terzo responsabile, oltre agli obblighi sopra elencati, da cui vengono sollevati il proprietario/amministratore/occupante, il terzo responsabile deve:

  1. Trasmettere all’ente locale competente la propria nomina di assunzione di responsabilità successivamente al conferimento dell’incarico;
  2. Effettuare visite periodiche (variabili in base alle esigenze dell’utente e dell’impianto) per il controllo dell’efficienza delle apparecchiature presenti in centrale termica;
  3. Verificare il Rendimento di combustione;
  4. Verificare i dispositivi di sicurezza e controllo;
  5. Compilare il “Libretto di impianto per la climatizzazione” e i “Rapporti di Controllo di efficienza energetica”;
  6. Inviare all’ente locale preposto i Rapporti di Controllo di efficienza energetica come indicato nell’Allegato A del D.P.R. 74/2013 per impianti di climatizzazione invernale di potenza termica utile maggiori di 10 kW e impianti di climatizzazione estiva di potenza termica utile nominale maggiore di 12 kW;
  7. Rispettare i limiti giornalieri di funzionamento dell’impianto e le temperature d’esercizio negli ambienti, previsti dalla normativa di settore;
  8. Eseguire la pulizia accurata dei generatori di calore e del locale Centrale Termica.

Nel caso di impianti di potenza uguale o superiore a 350 kW il Terzo Responsabile deve possedere ulteriori qualificazioni, quali ad esempio attestazione rilasciata ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica del 5 ottobre 2010, 7 n. 207, nella categoria OS 28, come previsto dal D.P.R. 74/2013.