Rischio Legionella: con l’arrivo della stagione calda tutelate la vostra salute con una adeguata sanificazione degli impianti di climatizzazione.

La Legionella è un batterio che provoca una malattia infettiva alle vie respiratorie con effetti anche molto gravi: la trasmissione avviene attraverso nebulizzazione di acqua calda contaminata dovuta a ristagni e manutenzione insufficiente.

Il rischio aumenta con la bella stagione perché il batterio si riproduce in presenza di caldo e umidità, soprattutto quando le temperature oscillano tra i 25 e i 40 gradi, quindi primavera e estate.

Il batterio è termolabile, basta una temperatura dell’acqua pari o superiore a 60 grandi per scongiurare il rischio Legionella: a 60 gradi la Legionella muore in circa mezz’ora, a 70 gradi invece l’effetto è istantaneo.

Nelle proprie abitazioni è opportuno controllare i ristagni di acqua, specialmente se esposti al sole: in tal caso è opportuno non nebulizzare l’acqua calda stagnante, ma lasciare scorrere acqua corrente fredda. La Legionella si contrae per via aerea attraverso la nebulizzazione di acqua contaminata e non attraverso ingestione; non si contrae attraverso il contatto tra esseri umani o animali.

Anche i climatizzatori domestici necessitano di alcune precauzioni, visti i possibili ristagni d’acqua che si possono creare, anche se la manutenzione non va fatta solo per scongiurare il rischio Legionella: gli apparecchi casalinghi possono avere la necessità di una ricarica di liquido refrigerante, di indagare su eventuali perdite, di controllare condensatore e scarichi per evitare possibili rischi di ostruzione.

In più, ci sono le abituali pulizie dei filtri, che vanno fatte anche una volta al mese se l’utilizzo dell’apparecchio è intenso, oltre alla pulizia dell’unità esterna.

Una manutenzione regolare del proprio impianto di climatizzazione preserva la salute, mantiene integra la macchina e fa risparmiare sulla bolletta.

Molte volte i privati optano per una manutenzione fai da te, ma solo un tecnico specializzato può eseguire il lavoro a regola d’arte, garantendo una sanificazione sicura a tutela della salute della famiglia, efficienza e risparmio energetico e lunga vita dell’apparecchio. L’utilizzo di specifici prodotti disinfettanti germicidi ad ampio spettro di azione garantiscono un’ottima azione sanificante togliendo la carica virale e batterica presente nell’aria degli ambienti.

Ancora più importante la sanificazione degli impianti in condomini, locali pubblici, strutture sanitarie, piscine, palestre, impianti termali e centri benessere: in questi casi il rischio Legionella è concreto e opportunamente regolamentato.

Proprio in materia di Legionella l’Arpa del Friuli Venezia Giulia, le Asl regionali e l’Università degli Studi di Udine nell’autunno del 2017 hanno creato un database per il monitoraggio regionale della Legionella penumophila, che raccoglie e analizza i dati dal 2002 a oggi.

Ogni struttura a contatto con il pubblico deve effettuare i controlli previsti dalle Linee Guida per il Controllo della Legionellosi, un testo unico approvato il 7 maggio del 2015 dalla Conferenza Stato-Regioni.

In particolare sono soggetti a controllo gli impianti idro-sanitari, aeraulici, le prese d’aria e i filtri, i sistemi di umidificazione, le batterie di scambio termico, i silenziatori, le canalizzazioni, gli impianti di raffreddamento a torri evaporative e condensatori evaporativi.

Da Re Servizi Termotecnici garantisce assistenza e manutenzione specializzata secondo normativa e esegue i trattamenti di sanificazione e igienizzazione tramite utilizzo di prodotti certificati come Presidio Medico Chirurugico.

I prodotti utilizzati durante l’intervento di sanificazione praticano un’azione disinfettante, battericida, fungicida e virucida con azione deodorante e possono essere usati nei più comuni ambienti domestici e pubblici come ambulatori e sale di degenza, uffici, aule scolastiche, luoghi di ritrovo di riunioni e svago.

Chiama per una consulenza e un sopralluogo gratuito.

Fonti
Arpa Friuli Venezia Giulia
Ministero della Salute